Diritto tributario 2014 - 2015

CFU: 6

Ore Totali: 40

CdL: LM Giurisprudenza

Prof. Francesca Lorusso   CORSO DI LAUREA LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA DENOMINAZIONE DELL’INSEGNAMENTO DIRITTO TRIBUTARIO NUMERO CREDITI FORMATIVI 6   CORSO DI LAUREA ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE DENOMINAZIONE DELL’INSEGNAMENTO DIRITTO TRIBUTARIO NUMERO CREDITI FORMATIVI 10     PROGRAMMA Programma del Corso, anno accademico 2014-2015:   A)PARTE GENERALE Il diritto tributario; Le prestazioni patrimoniali imposte e tributi; I principi costituzionali; La norma tributaria: le fonti e l’interpretazione; L’attuazione del prelievo: fattispecie, obbligazione tributaria, soggetti, dinamica dell’imposta, obblighi dei contribuenti, istruzione, accertamento; L’elusione; Le sanzioni amministrative; L’autotutela.   B)PARTE SPECIALE Il sistema tributario italiano; Le imposte dirette: l’IRPEF e le singole categorie di reddito, l’IRES (con esclusione delle operazioni straordinarie nel reddito d’impresa e dei redditi transnazionali), l’IRAP e i principi comunitari; L’IVA; L’imposta di registro; I tributi regionali.           TESTI CONSIGLIATI L’esame potrà essere preparato sull’ultima edizione dei seguenti manuali:   F. TESAURO, Istituzioni di diritto tributario, parte  generale e speciale,Torino, UTET (da non confondersi con il “compendio di diritto tributario” che non è accettato).   “Istituzioni di Diritto tributario. 1-Parte Generale”, Utet  (ultima edizione): è necessario studiare tutto il manuale ad esclusione dei capitoli dodicesimo (la riscossione), tredicesimo (i rimborsi), quindicesimo (le sanzioni penali), sedicesimo (il processo tributario, tutte le sezioni).    "Istituzioni di Diritto tributario. Parte speciale", Utet, 2012 (Nona edizione): è necessario studiare tutto il manuale ad esclusione dei capitoli quarto, quinto, sesto (del quale non bisogna studiare soltanto la sezione terza), ottavo, nono, decimo (del quale non bisogna studiare soltanto la sezione prima), undicesimo (tutte le sezioni). PER LA PREPARAZIONE DELL’ESAME SI CONSIGLIA ADOPERARE UN CODICE TRIBUTARIO AGGIORNATO CONTENENTE I TESTI DELLE LEGGI DI RIFERIMENTO.     OBIETTIVI FORMATIVI DEL CORSO Il Corso si propone l’obiettivo di formare gli studenti sui principi generali dell’ordinamento tributario e sulla disciplina dei singoli tributi. Nel Corso sono individuabili due parti: la prima concerne i principi generali dell’ordinamento tributario, ed in particolare i principi costituzionali e l’accertamento; la seconda è inerente allo studio dei singoli tributi.     ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA La didattica sarà svolta mediante lezioni frontali e mediante didattica integrativa consistente nell’approfondimento di casi giurisprudenziali.     MODALITA’ DI VALUTAZIONE La valutazione del profitto sarà effettuata mediante prova orale.     ATTIVITA’ DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA Nessuna        


TESTI CONSIGLIATI L’esame potrà essere preparato sull’ultima edizione dei seguenti manuali:   F. TESAURO, Istituzioni di diritto tributario, parte  generale e speciale,Torino, UTET (da non confondersi con il “compendio di diritto tributario” che non è accettato).   “Istituzioni di Diritto tributario. 1-Parte Generale”, Utet  (ultima edizione): è necessario studiare tutto il manuale ad esclusione dei capitoli dodicesimo (la riscossione), tredicesimo (i rimborsi), quindicesimo (le sanzioni penali), sedicesimo (il processo tributario, tutte le sezioni).    "Istituzioni di Diritto tributario. Parte speciale", Utet, 2012 (Nona edizione): è necessario studiare tutto il manuale ad esclusione dei capitoli quarto, quinto, sesto (del quale non bisogna studiare soltanto la sezione terza), ottavo, nono, decimo (del quale non bisogna studiare soltanto la sezione prima), undicesimo (tutte le sezioni). PER LA PREPARAZIONE DELL’ESAME SI CONSIGLIA ADOPERARE UN CODICE TRIBUTARIO AGGIORNATO CONTENENTE I TESTI DELLE LEGGI DI RIFERIMENTO.  

Nessun allegato disponibile